fbpx
Formazione

Come concentrarsi nello studio

Per riuscire ad ottenere dei voti eccellenti in tutte le materie, hai bisogno di aumentare la concentrazione nello studio quanto più possibile. Ma come concentrarsi nello studio? Di seguito trovi molti utili consigli che speriamo possano esserti utili. 

Concentrarsi nello studio eliminando tutte le distrazioni 

Se vuoi che la tua mente resti concentrata su ciò che stai studiando, devi assolutamente eliminare dal tuo ambiente di studio tutte le distrazioni presenti. Devi quindi spegnere la televisione, lo smartphone, il computer se non strettamente necessario per il tuo studio. Chiudi la porta della stanza, in modo che nessuno possa disturbarti e farti alzare gli occhi dai tuoi libri. Chiudi anche la finestra della stanza, in modo che alle tue orecchie non possano arrivare i suoni dall’esterno. Ecco, una volta eliminate tutte queste distrazioni riuscirai sicuramente a studiare al meglio!

Come concentrarsi per studiare: fare molte pause

Se pensi che per riuscire a studiare in modo performante sia necessario stare fermi alla scrivania con gli occhi chini sul libro di testo per ore e ore senza mai fermarsi, senza mai alzarsi neanche per cinque minuti, credici, sei sulla strada sbagliata. Con lo scorrere dei minuti, è più che normale che il tuo livello di concentrazione venga meno. Hai bisogno di alcune pause, per scaricare la tensione accumulata, per sgranchire le tue gambe, per far sì che la tua mente possa rilassarsi. Le pause non devono essere chissà quanto lunghe. È sufficiente fermarsi una decina di minuti ogni ora per riuscire a mantenere sempre alta la concentrazione. Conosci la tecnica del pomodoro? Scoprila in questo articolo!
Ricorda inoltre di mangiare qualcosa durante le ore di studio. Nessun pasto deve mai essere saltato, pena il rischio che tu non abbia la giusta quantità di energie! 

Musica per concentrarsi nello studio

Alcune persone hanno bisogno del silenzio più assoluto per riuscire a concentrarsi nello studio al meglio. Altre persone invece percepiscono il silenzio assoluto come assordante. Ci rendiamo perfettamente conto che questa sembra una contraddizione in termini, ma è proprio così che il silenzio può essere percepito, un silenzio eccessivo che non favorisce la concentrazione ma che anzi favorisce lo scorrere fluido dei pensieri, pensieri che quindi si allontanano dal libro di testo o dagli appunti che invece dovrebbero essere al centro della propria mente. 

Se anche tu percepisci il silenzio in questo modo, dovresti prendere in considerazione l’idea di mettere su un po’ di buona musica. Ma attenzione, non tutta la musica è adatta. Non deve essere una musica infatti assordante, nè canzoni che possono distrarti facendo sì che la tua mente corra lontano. Deve trattarsi di una musica capace di riempire quel vuoto che il silenzio porta con sé, quella mancanza. 

C’è un articolo interessante sul sito internet ufficiale dell’Università Cusano  di Bologna che parla proprio di quale sia la tipologia di musica più adatta per studiare, con tanto di vere e proprie playlist da prendere in considerazione. In questo caso si parla della musica più adatta per studiare matematica, ma queste indicazioni sono valide in realtà anche per ogni altra materia. Stando a questo articolo, sembra che la musica migliore sia quella con un ritmo rilassante e priva di parole, come la musica classica ad esempio. Nelle playlist consigliate troviamo infatti Mozart, Beethoven, Vivaldi, Bach, Liszt, Tchaikovsky. 

ragazzo scrive su un quaderno mentre studia

Se la musica classica non ti alletta, puoi provare con la musica new age e i suoni che arrivano a noi direttamente dalla natura. Prova a mettere in sottofondo il rumore della pioggia o delle onde del mare e sentirai che immenso senso di relax capace di favorire la tua concentrazione! 

App per concentrarsi? Certo che sì

Non tutti lo sanno, ma per concentrarsi nello studio nello studio davvero al meglio sono disponibili molte interessanti applicazioni per lo smartphone. Alcune di queste applicazioni bloccano il telefono temporaneamente o alcune sue funzioni. Pensiamo ad esempio a SelfControl, un’applicazione gratuita che consente di creare una vera e propria lista nera di siti internet che verranno bloccati per un lasso di tempo a tua scelta. Impossibile pe te accedere a questi siti durante i tuoi momenti di studio! Altre app permettono di programmare il tempo di studio, inserendo anche delle pause. 

Concentrazione nello studio: meglio studiare una sola materia o variare?

Devi preparare due interrogazioni oppure due esami, uno di italiano e uno invece di storia giusto per fare un esempio? Verrebbe più che naturale preparare prima una materia e l’altra a seguire. Non è detto però che questo sia il metodo giusto. Studiare per molte ore consecutive sempre la stessa materia potrebbe essere controproducente per la concentrazione. Variando a metà giornata la materia di studio, ecco che invece è possibile mantenere la concentrazione alta. La nuova materia infatti viene accolta dal nostro cervello come una vera e propria ventata di aria fresca.

Continua a leggere »

Redazione

CorsieLavoro.it è il portale dedicato al mondo della formazione e della ricerca del lavoro. È capitato a tutti di attraversare un momento della vita in cui vogliamo cambiare, avere degli strumenti per poter far un salto di carriera oppure semplicemente siamo alla ricerca di un posto di lavoro. Noi siamo qui per questo :)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button