fbpx
Formazione

Neologismi e prestiti linguistici: un fenomeno nuovo ma vecchio

Neologismi, prestiti linguistici o parole derivanti dall’inglese: non importa quali siano i termini precisi che le attribuiamo, la lingua italiana ne è piena e ormai la situazione sembra irreversibile. Che ci piaccia o no, certi termini della lingua italiana sono sempre più spesso rimpiazzati da quelli in inglese. 

Non bisogna essere linguisti per notare che questo cambiamento. Ormai, i prestiti linguistici sono ovunque e ciò non riguarda soltanto il linguaggio giovanile, ma anche una serie di altri settori di uso quotidiano (non giovanissimi inclusi). Ci troviamo spesso di fronte a parole come “target”, “team”, “budget” e l’utilizzatissimo “manager”; a sfavore dei tradizionalisti, quest’ultimo ha ormai completamente rimpiazzato la parola “responsabile”. Scopriamo, perciò, che il fenomeno dei prestiti linguistici non è poi così nuovo e, anzi, è vecchio tanto quanto lo è l’umanità stessa: la lingua parlata è un fenomeno in continua evoluzione, lo è sempre stato e lo sarà per sempre.

Pubblicità

Facciamo insieme un viaggio alla scoperta dell’origine delle parole e dei neologismi o dei prestiti linguistici che ormai hanno modificato la lingua italiana. 

L’origine delle parole e i neologismi

La lingua e il linguaggio non sono mai stati “fermi”. Lo testimoniano gli antichi romani. Ad esempio, magari avrete sentito che la parola “guerra” deriva dalle lingue delle antiche tribù germaniche e che il suo equivalente latino è bellum. Lo stesso vale per “schiena”, che deriva anch’essa dal germanico “skina”, mentre la sua corrispondente latina è “rursus”. Il processo al contrario, invece, è ben più notevole

Nella terminologia delle altre lingue europee (e non solo) troviamo molte parole derivanti dal latino e dal greco. La maggior parte dei termini medici deriva dal greco antico; per esempio, “osteopatia” altro non è che la combinazione di ostéon, “osso” e páthos, “sofferenza”. Inoltre, sicuramente avrete notato che alcuni termini in inglese sono simili a quelli italiani, come “absorb”, ovvero assorbire. Questi termini si chiamano “latinismi” e sono derivanti dal latino e, per la gioia di coloro che sono fluenti nelle lingue romanze, li utilizzano praticamente tutti.

veduta dall'alto biblioteca

Stando a quanto precedentemente detto, occorre ricordare che, se stiamo utilizzando una lingua non romanza ‒ che non deriva dal latino ‒, quest’ultima va presa come tale. Dunque non è scontato che sia composta da latinismi.

Infatti, le lingue che si parlano nell’odierna Europa del nord non fanno un largo uso di termini derivanti dal latino. Per esempio, in tedesco ambulanza si dice “Krankenwagen”, che si traduce letteralmente come “mezzo di trasporto per i malati”. Si potrebbe usare anche “Ambulanz”, il suo equivalente derivante dal latino, ma basta consultare velocemente un dizionario per vedere che l’ultimo termine si riferisce anche all’infermeria. 

Invece, se cercassimo la traduzione in tedesco di “infermeria”, ci risulterebbe “Krankenstation”, ovvero “la stazione o il punto di stallo per i malati”. Ora, se volessimo analizzare pure “Krankenstation”, scopriremmo che il termine tedesco “Station” in italiano equivale a “stazione”, e così via

L’analisi diacronica: come studiare i prestiti linguistici

Questo tipo di analisi prende il nome di linguistica diacronica. Come precedentemente dimostrato, grazie alla linguistica diacronica e dopo un attento processo di analisi, possiamo risalire alle origini di svariati termini. 

Le culture e le popolazioni oggigiorno si mischiano fra di loro così come si sono mischiati in precedenza e, con essi, anche le lingue, dando vita ai neologismi. Attualmente la lingua dominante è l’inglese, ma una volta lo era il latino e prima ancora lo è stato il greco. Non sappiamo cos’abbia in serbo per noi il futuro e quali saranno le lingue che utilizzeremo. Ma una cosa è sicura: le lingue sono dinamiche e in continuo movimento; si tratta di un meccanismo che non si può fermare e che, inoltre, non è mai stato fermo. 

Pubblicità

Cosa ci insegnano i prestiti linguistici?

I prestiti linguistici ci insegnano che la vita è in continuo movimento. Tutto si evolve soprattutto il nostro modo di comunicare sul lavoro. 

Per questa ragione, dovremmo imparare a sviluppare un atteggiamento proattivo e dedito al cambiamento. Questo comporta anche essere costantemente aggiornati su novità e innovazioni nel settore nel quale lavoriamo. Ecco perché è fondamentale seguire dei corsi di formazione o aggiornamento dove possiamo apprendere nuove abilità. 

In questo modo, possiamo adattarci ai cambiamenti del linguaggio e magari avere una spinta in più rispetto agli altri

Pubblicità

Kelli Pekkenen

Kelli Pekkenen, conosciuta sui social come Evangeline Dafuq, è una giovane copywriter ed insegnante freelance di lingue straniere. Specializzata in insegnamento e traduzioni d’inglese e tedesco da più di 10 anni, ha insegnato sia in scuole di lingua che in istituti di formazione. Tra la laurea in lingue e letterature, una specializzazione in americanistica, un master in comunicazione enogastronomica e vari corsi di formazione in comunicazione web e SEO, è sia copywriter SEO sia traduttrice inglese-italiano e continua anche ad insegnare l’inglese da freelance. Provenendo da una famiglia multiculturale che ha inglese come lingua comunicante, parla inoltre estone e finlandese - le sue lingue d’origine - nonché il francese. È appassionata di americanistica, scrittura creativa e fotografia. Inoltre, quest’ultima è un hobby che è riuscita a far diventare un lavoro secondario.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button