fbpx
Formazione

Resilienza: come sviluppare questa qualità?

Sempre più spesso si sente parlare di sviluppare resilienza. In effetti, questa qualità è sempre più menzionata da guru della formazioni ed esperti delle risorse umane. Alcune enciclopedie, come la Treccani, la considerano una “parola alla moda”. Tuttavia, forse non hai ben chiaro come sviluppare resilienza, ma soprattutto come questa ti può essere utile nel mondo del lavoro

A questo proposito, ecco un’analisi completa al riguardo! Continua a leggere e scopri come puoi coltivare tale abilità per avere successo a livello personale e professionale. 

Resilienza: cosa significa? 

Come prima cosa, devi comprendere al meglio cosa significa resilienza. La summenzionata Treccani alla voce resilienza recita: “capacità di resistere e di reagire di fronte a difficoltà, avversità, eventi negativi”.

Dunque, sviluppare resilienza significa riuscire a resistere a tutte le difficoltà che la vita ti pone davanti. Si tratta sicuramente di un vocabolo conosciuto dal popolo a causa delle circostanze vissute dalla società nell’ultimo periodo. In effetti, a causa della pandemia e delle numerose complicazioni che ha portato, il mondo, del lavoro e non solo, è cambiato. La resilienza è diventata una virtù fondamentale per (soprav)vivere.

Ora che conosci al meglio il significato di resilienza, bisogna capire come puoi fare tua tale qualità e renderla la tua arma vincente nel percorso lavorativo. 

È importante sviluppare resilienza a lavoro? 

La risposta è assolutamente sì. Questa qualità può aiutarti ad affrontare al meglio lo stress che ogni impiego lavorativo comporta. Difatti, ottenendo la giusta resilienza e mostrandola al momento opportuno, potrai difenderti al lavoro, allontanando le energie negative e riuscendo a essere più produttivo. In poche parole, un primo beneficio della resilienza applicata all’ambito lavorativo è la riduzione dello stress quotidiano

ragazza guarda il panorama seduta su una roccia

Allo stesso tempo, sviluppare resilienza ti permetterà di migliorare i rapporti con i tuoi colleghi di lavoro. Chi è resiliente resiste alle discussioni e alle situazioni che spesso si affrontano all’interno del luogo lavorativo. Spesso se mostri questa qualità puoi passare sopra le discussioni con i membri del tuo team, sorvolando gli aspetti futili e creando un dialogo costruttivo. Per il team building aziendale, sicuramente la resilienza è una qualità fondamentale. 

La resilienza a lavoro può servire anche quando si affrontano i cambiamenti aziendali. Questo significa adattarsi alle difficoltà che possono esserci quando viene introdotto un nuovo metodo di lavoro oppure quando si occupa una nuova posizione all’interno dell’azienda. Un esempio pratico in questo caso è lo smart-working. Inizialmente, è stato un evento traumatico per alcuni. Tuttavia, coloro che hanno mostrato resilienza hanno continuato a svolgere le loro mansioni superando le difficoltà. 

Infine, la resilienza è una delle qualità più importante qualora si dovessero affrontare fallimenti. Grazie a tale caratteristica, puoi rialzarti e continuare il tuo percorso, magari cercando e ottenendo risultati migliori rispetto a quelli conquistati in precedenza. 

Come sviluppare resilienza: i migliori consigli 

Ci sono diversi metodi per sviluppare resilienza e applicarla nella vita di tutti i giorni. Tuttavia, ecco i migliori consigli che possono aiutarti per coltivare questa qualità e utilizzarla nel migliore dei modi quando sei sotto pressione a lavoro.

Avere consapevolezza dei propri limiti 

La resilienza può essere sviluppata se apprendi quali sono i tuoi limiti. In questo modo, potrai capire quali sono i tuoi punti di forza, ma anche quali sono le lacune che devi colmare. Ancora, grazie a tale consapevolezza, potrai comprendere quali difficoltà puoi superare da solo e quando invece hai bisogno di un aiuto esterno. 

Non dimenticare che anche nei momenti più difficili a lavoro, avendo resilienza e fiducia nei tuoi mezzi, potrai ricaricare le energie. Magari potrai uscire “sconfitto” da una giornata lavorativa, ma subito dopo sarai pronto per rimetterti in gioco e sfruttare tutti gli aspetti positivi a tuo vantaggio. 

Non contrastare le emozioni e i sentimenti

A volte, lo stress lavorativo viene accumulato nel tempo, portando poi a sfoghi fisici e psicologici o alla cosiddetta sindrome da burnout. Questo avviene perché molte persone non ascoltano i propri sentimenti. Difatti, non ascoltando sentimenti o emozioni, si finisce per accumulare come una spugna tutte le energie negative, fino ad arrivare a implodere e poi a esplodere

Al contrario di quello che pensano gli altri, avere questo atteggiamento non significa sviluppare resilienza. Anzi, può produrre l’effetto contrario! I sentimenti accumulati a causa di ciò che accade a lavoro, devono essere ascoltati e accettati. Questo vale per i sentimenti positivi, ma soprattutto con quelli negativi. Solo con questo modo di fare potrai resistere alle difficoltà affrontate nel proprio percorso lavorativo, perché saprai come gestire i traumi professionali che possono presentarsi nella routine.

Evitare di rimuginare sugli errori commessi e farsi sopraffare dai pensieri negativi

Questo punto per sviluppare resilienza si collega a quello appena trattato in precedenza. Devi ascoltare e accettare le tue emozioni, ma non devi affollare la tua mente con pensieri negativi. Pensare sempre agli errori che hai commesso non ti farà essere lucido. Anzi, potrebbe solo farti del male. 

Se non tieni a bada i pensieri negativi, questi ultimi potrebbero bloccare il tuo sviluppo professionale. Dunque, è giusto pensare su ciò che si è sbagliato, soprattutto con l’ottica di migliorare l’atteggiamento che si è avuto. Ad ogni modo, sviluppare resilienza significa anche voltare pagina ed essere pronto ad affrontare una nuova sfida consapevole di non commettere gli errori del passato. 

Come sviluppare la resilienza: allenare la perseveranza 

La resilienza è utile, ma per svilupparla al meglio devi concentrarti anche su altre qualità. Una di queste è sicuramente la perseveranza. Per perseveranza si intende la fermezza nel continuare sulla propria strada e perseguire i propri obiettivi. Allenare la perseveranza è ciò che devi fare se non vuoi farti abbattere dagli ostacoli che incontrerai nel tuo cammino. 

Anzi, devi avere una certezza. Grazie alla perseveranza e alla resilienza, potrai superare qualsiasi difficoltà e potrai diventare un elemento di ispirazione per gli altri, proprio come i migliori team leader

Avere un atteggiamento positivo e proattivo 

L’ultimo consiglio per sviluppare resilienza è quello di avere un atteggiamento positivo. Cerca sempre di vedere il bicchiere mezzo pieno. Ricorda che anche i periodi di difficoltà possono essere utili per la tua crescita professionale. Anzi, a volte proprio da questi periodi puoi apprendere lezioni preziose che ti serviranno nel corso della tua carriera. 

Allo stesso tempo, cerca di avere un atteggiamento proattivo. Non farti travolgere dagli eventi, ma sii padrone della tua vita. Dunque, non aspettare che qualcosa cambi, prendi l’iniziativa e mettiti in gioco per superare le difficoltà e provare a cambiare la tua condizione. 

Sviluppare resilienza è possibile e ti sarà molto utile 

Come hai potuto vedere dunque, lavorando su alcuni atteggiamenti del proprio carattere è possibile sviluppare resilienza. 

Questa qualità ti servirà non solo nel lavoro, ma anche nella tua vita privata. Ricorda, le difficoltà ci saranno sempre, ma affrontandole con resilienza potrai combatterle e fare in modo che non creino danni nella tua vita lavorativa. 

Redazione

CorsieLavoro.it è il portale dedicato al mondo della formazione e della ricerca del lavoro. È capitato a tutti di attraversare un momento della vita in cui vogliamo cambiare, avere degli strumenti per poter far un salto di carriera oppure semplicemente siamo alla ricerca di un posto di lavoro. Noi siamo qui per questo :)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio