fbpx
Lavoro

Lavoro dipendente o lavoro freelance: un’ardua scelta da compiere

Il mondo del lavoro è molto complesso e variegato. Ormai si possono distinguere molti tipi di ruoli, di modalità, anche se si tende principalmente a considerare due macrocategorie: quella del lavoratore dipendente e del freelance

Due mondi apparentemente molto diversi, ma che spesso entrano in correlazione e a volte “si scontrano”.  Chi per molti anni ha una sua routine, con un suo ufficio, con un lavoro dipendente, a volte, sogna di mettersi in proprio e osare, allo stesso modo chi per anni è sempre stato “capo di se stesso”, a volte vorrebbe mettersi alla prova e provare l’ebbrezza del lavoro dipendente. 

A volte essere freelance è una scelta quasi obbligata perché è sempre più complesso trovare un impiego da dipendente, mentre per alcuni la scelta della libera professione è l’unica percorribile perché non riuscirebbero a intrappolarsi negli schemi del lavoro dipendente. 

Secondo alcuni studi i lavoratori freelance sarebbero i più felici per la gestione autonoma del proprio tempo e delle priorità, ma ciò, in alcuni casi potrebbe anche, alla lunga, diventare stressante. 

Il profilo del lavoratore freelance, sicuramente è molto diverso da quello del lavoratore dipendente. Il primo infatti, ha una personalità più predisposta al lavoro autonomo e meno avvezza alla scrivania. In realtà, però, dall’avvento dello smart working e del coworking, anche a causa della situazione epidemiologica attuale, i confini diventano sempre più labili. 

Con lo smart working anche il lavoratore dipendente può provare, lavorando da casa, come sia possibile conciliare vita privata e lavoro, capire l’importanza del proprio tempo e iniziare a valutare anche un cambiamento di rotta nella propria carriera.

Vediamo insieme quali sono i parametri da considerare nella scelta tra lavoro dipendente o da freelance.

computer con tazza di caffè

L’orario di lavoro 

Nella scelta tra lavoro dipendente o freelance, l’orario lavorativo è tra le prime considerazioni da fare.

Il lavoro da dipendente avrebbe la scansione di 40 ore settimanali, ma ormai, sembrano diventate utopistiche! Tra straordinari, e-mail, messaggi del capo, ormai la maggior parte dei lavoratori a tempo pieno fatica a conciliare vita privata e attività lavorativa.  

Il lavoratore freelance, invece, riesce a gestire meglio il suo tempo, i suoi impegni riuscendo anche a conciliare la vita privata, senza rinunciare alla puntualità e al rispetto delle scadenze. 

Lavoro autonomo o dipendente: benefit 

Se si considera il punto di vista dei benefits aziendali come: ferie, contributi per la pensione, buoni pasto, il lavoratore freelance è un po’ più sacrificato. Infatti deve provvedere da sé ai contributi, alla gestione delle ferie, anche se non saranno retribuite e anche la tredicesima non è prevista, mentre il lavoratore dipendente da questo punto di vista trae diversi vantaggi.

Lavoro dipendente vs. partita iva: la motivazione 

Dopo un lungo periodo da dipendente gli stimoli iniziano a essere sempre meno e, spesso, si cerca di essere precisi e puntuali anche solo per evitare problemi o per garantirsi uno stipendio. 

Questa motivazione a lungo andare può iniziare a diventare riduttiva per la motivazione e portare un po’ di malcontento e sempre meno carica. Il lavoratore freelance, invece, trova sempre nuovi spunti, nuovi slanci, creando da sé la propria giornata lavorativa, incrementando così ogni giorno la propria motivazione, sentendosi sempre gratificato e felice di intraprendere nuove attività. 

Il rapporto con i colleghi 

Tra gli aspetti del lavoro dipendente uno dei principali è quello del rapporto con i colleghi e le dinamiche all’interno dell’azienda che possono essere un aspetto positivo, ma possono anche condizionare il benessere, se non creare tensioni. 

Il freelance è al di fuori di questi meccanismi interni, anche se il rapporto con il cliente, non è del tutto scevro da dinamiche come comunicazioni lente e passaggi molto lunghi. Alcuni lavoratori freelance, però, hanno scelto di lavorare in spazi di coworking perché soffrono la solitudine e per avere interazioni, in modo da avere il vantaggio degli spazi comuni evitando i classici meccanismi di gerarchie, competizioni tra colleghi tipici degli uffici. 

La stabilità: meglio essere un dipendente? 

L’attività del freelance potrebbe essere considerata tra le più instabili, considerando periodi di magra che si contrappongono a periodi molto frenetici. 

C’è da considerare anche la difficoltà della costruzione della rete sociale e dei clienti, sempre in costante evoluzione. 

Il lavoratore dipendente, da questo punto di vista, ha una certa stabilità e sicurezza, ma è tra i più soggetti a licenziamenti e contratti a termine. 

Quindi, forse, avere un portfolio ampio di clienti, può rivelarsi più sicuro di un lavoro dipendente. 

Show More

Redazione

CorsieLavoro.it è il portale dedicato al mondo della formazione e della ricerca del lavoro. È capitato a tutti di attraversare un momento della vita in cui vogliamo cambiare, avere degli strumenti per poter far un salto di carriera oppure semplicemente siamo alla ricerca di un posto di lavoro. Noi siamo qui per questo :)

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Close
Back to top button