fbpx
Lavoro

Trovare lavoro online: le migliori piattaforme

La tecnologia sta fornendo soluzioni innovative per dipendenti e aziende, prospettando un considerevole risparmio di tempo e di risorse. Se quindi destreggiarsi tra le numerose piattaforme di recruiting e di annunci può sembrare complicato, ecco una breve guida per capirne di più.

Trovare lavoro online è oggi ancora più semplice grazie alla presenza di numerosi intermediari che rilanciano gli annunci delle aziende e raccolgono i curriculum degli aspiranti dipendenti. Anche le aziende possono oggi trovare personale sempre più specializzato, anche solo per coprire temporaneamente lo sviluppo di un progetto. Ecco quindi quali sono le migliori piattaforme a cui rivolgersi

I tempi cambiano ed il mondo del lavoro ha già anticipato molti di questi cambiamenti. Il lavoro, oggi, è molto più flessibile rispetto al passato: è possibile adattare il carico lavorativo ai propri impegni senza dover rinunciare a nulla. L’affacciarsi della prospettiva di un massiccio ricorso allo smart working, poi, ha ulteriormente cambiato le carte in tavola, abolendo (in parte) anche la necessità di fornire una presenza fisica al datore di lavoro.

In questo clima di frenetici cambiamenti sono definitivamente tramontati alcuni cliché inerenti alla ricerca di un’occupazione: addio al curriculum portato a mano e alle lunghe attese per un colloquio di lavoro. La tecnologia sta fornendo soluzioni innovative per dipendenti e aziende, prospettando un considerevole risparmio di tempo e di risorse. Se quindi destreggiarsi tra le numerose piattaforme di recruiting e di annunci può sembrare complicato, ecco una breve guida per capirne di più.

 

Cosa sono le piattaforme di recruiting?

Le piattaforme di recruiting in genere prevedono una sezione per le aziende ed una per gli aspiranti dipendenti. La prima permette ai responsabili HR di selezionare il personale, facendo convergere in un unico gestionale tutte le candidature ed i curriculum. Sarà quindi possibile comparare e analizzare tutte le candidature in base a criteri preselezionati come competenze, esperienza pregressa e vicinanza al luogo di lavoro.

Alcune funzioni delle piattaforme di recruiting utilissime per le aziende

Alcune aziende, ancor prima di un colloquio conoscitivo, vogliono essere sicure di intervistare la risorsa che fa al caso loro. Per evitare selezioni arbitrarie a monte, alcune piattaforme permettono all’azienda di somministrare un quiz, una prova o un test attitudinale a tutti i candidati. Alcune grandi imprese, che hanno bisogno di un continuo turnover lavorativo, hanno letteralmente trovato la formula vincente per assumere risorse motivate e competenti, ma al tempo stesso semplificando il lavoro al reparto Risorse Umane.

Trovato, quindi, il mezzo l’attuazione è una passeggiata. Alcune aziende preferiscono un test attitudinale somministrato con una certa quantità di gamification, altre preferiscono un test a risposta multipla ed altre ancora risposte aperte a domande prefissate.

ragazzo guarda lo schermo del computer

La piattaforma si occuperà, infine di fissare appuntamenti per colloqui (in questo caso usando le web conference) e – se la ricerca dovesse avere esito positivo – avvisare tutti gli altri candidati non selezionati ed aggiornarli su nuove posizioni che potrebbero aprirsi in un futuro prossimo. Ma vediamo quali sono le piattaforme più usate e gettonate in Italia per offrire e trovare lavoro.

Quali sono le migliori piattaforme per trovare lavoro online

Alcune sono più recenti, altre hanno un respiro internazionale, altre ancora vengono usate prevalentemente in Italia: quando si parla di recruiting la scelta è veramente vasta. Passiamo quindi in rassegna le migliori piattaforme per trovare lavoro online in Italia.

Monster

Creata nel lontano 1998, Monster è una delle piattaforme più usate al mondo per cercare e offrire lavoro. Grazie ad un’interfaccia intuitiva, già dalla homepage è possibile inserire le parole chiave della ricerca, il luogo e il raggio chilometrico entro cui cercare.

Una volta avviata la ricerca è possibile inserire alcuni filtri come il tipo di annuncio (part-time e full-time) e data di pubblicazione dell’annuncio. È possibile candidarsi rapidamente ad ogni annuncio e caricare il proprio CV in caso venissero pubblicate offerte affini. Unico limite di Monster è la mancanza di numerosi filtri di ricerca rispetto agli altri competitor.

Indeed

Grazie soprattutto alla costante presenza sui motori di ricerca, Indeed è diventata una delle piattaforme più utilizzate in assoluto nell’ambito del recruiting. Raccoglie sia offerte di lavoro provenienti da aziende sia da agenzie per il lavoro. L’interfaccia grafica è decisamente user friendly. Basta inserire l’ambito lavorativo desiderato, la città di riferimento e i risultati appariranno ordinati per pertinenza.

Indeed, oltre a raggruppare un gran numero di annunci, permette di filtrare le offerte in base a data di pubblicazione, luogo di lavoro, lingue straniere richieste, tipo di azienda. Mostra inoltre le recensioni di ex dipendenti, a tutela degli aspiranti candidati. Anche su Indeed, poi, è possibile candidarsi rapidamente e caricare il proprio CV per offerte di lavoro pertinenti al campo desiderato.

LinkedIn

Crediamo che LinkedIn meriti un discorso a parte, in quanto è radicalmente differente dai portali precedentemente elencati. LinkedIn, com’è noto, è prima di tutto un social network che ti permette di costruire reti nel mondo del lavoro. Potrai quindi venire in contatto con colleghi, professionisti e dipendenti. Su LinkedIn è possibile caricare le proprie esperienze lavorative (con il vantaggio di poter ottenere endorsement dai colleghi) e pubblicare articoli o scritti inerenti alla sfera professionale.

Non bisogna dimenticare, però, che LinkedIn è anche un formidabile motore di ricerca per le offerte di lavoro. È possibile quindi fornire al recruiter una vera e propria vetrina di sé stessi facilmente consultabile in ogni momento. Non dovrai quindi scrivere lettere di presentazione o presentare curriculum alla moda: è già tutto presente e visibile. L’unico svantaggio, semmai, è nella dispersività tipica del social americano, ma per il resto, c’è solo da guadagnare.

Siti di annunci

Nonostante possano sembrare “aged”, i siti di annunci sono luoghi ideali per trovare o offrire lavoro. È vero, non hanno tutte le funzioni che grandi piattaforme offrono, ma comunque hanno il pregio di mettere in contatto piccole aziende con aspiranti risorse. Tra questi i più gettonati sono indubbiamente Subito.it, nato e cresciuto in Italia come pure Bakeca.it, ma anche Kijiji, di proprietà Ebay. Insomma, tutte le strade sono percorribili quando si tratta di lavoro!

Continua a leggere »

Erika Del Pomo

Classe 1991, laziale di nascita, marchigiana di adozione, mi laureo alla triennale in Sociologia e servizio sociale presso l’università degli Studi di Urbino Carlo Bo, per poi proseguire gli studi in Organizzazione e gestione dei servizi sociali all’Università Politecnica delle Marche. Dinamica, pro-attiva ed intraprendente, dopo la laurea magistrale inizio a collaborare come tutor per corsi di formazione a distanza e social media manager con Assistente sociale privato, ma la mia formazione non si è mai conclusa. Dopo un corso in Life&empowerment coaching capisco che questa è la mia strada ed inizio a concentrare le mie energie in questa direzione; dopo un master in Gestione delle risorse umane prende forma il mio progetto professionale “YOU lo spazio dedicato a te”. Ad oggi sono una Life&career coach specializzata in orientamento personale, professionale e scolastico; sostengo le persone nel loro cammino, perché anche io, in passato, ho avuto bisogno di una “bussola” che mi indicasse la strada. Amo descrivermi come “ un lavoro in corso” perché ogni giorno, è il giorno giusto per migliorare, sia personalmente, che professionalmente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche
Close
Back to top button